JamesHopkins01
21 maggio 2010

James Hopkins

Le meravigliose composizioni di teschi create con oggetti del vivere quotidiano da James Hopkins, giocano con l’equilibrio, lo spazio e l’illusione ottica. Una serie dal titolo Vanitas, che risale al 2008.

Attraverso una sorprendente associazione tra il canone classico della metafora e una produzione plastica di spiccato e contemporaneo sapore pop, l’artista rifugge dalle ordinarie leggi della logica e della comunicazione e ci invita a riflettere sulla mutevolezza e sulla instabilità della realtà moderna. — Francesco Petrarca

Via: acidolatte.

Join the conversation! 2 Comments

  1. […] Source This entry was posted in Completely Random. Bookmark the permalink. ← Ali | SeventeenbySeven […]

  2. […] Skillfully balanced tchotchkes, or something more sinister? James Hopkins’s Vanitas series plays with the concepts of space, balance and life’s instability. (Also, don’t those skulls remind you of the skull-or-little girls optical illusion from the 1800s?) [Via designaside] […]

Lascia una risposta

About Mauro

Art Director con oltre 10 anni di esperienza nel campo dell'advertising, alla costante ricerca di nuove fonti di ispirazione. Fondatore di Designaside e direttore creativo @ DigitasLBi Italy. Puoi Trovarmi anche su: Twitter | Facebook | Flickr | LinkedIn | Google+

Category

Arte

Tags

, ,