patriziapolese01
23 settembre 2010

Patrizia Polese

Il lento e paziente ritmo di esecuzione dell’artista trevigiana Patrizia Polese, traduce il passaggio dal mondo interiore e ne riordina la percezione dei suoni frammentati e dispersi. Ha il tempo di entrare nel particolare scegliendo oggetti pratici della vita quotidiana, come i fili usati dai contadini, i cerini e la stoppa, per trasformarli in prodotto artistico.

Patrizia gioca col cotone e la lana formando un tessuto che vive nelle intimità dell’oriente, ma che le sue mani hanno realizzato in occidente. — Diana Mendieta

Join the conversation! 1 Comment

  1. Sei una donna che riesce a tirare fuori l’animo fino in fondo e questo traspare nelle tue OPERE che riescono a trasmettere, rilasciano quel sapore di misterioso che tutti vorrabbero nascondere e che tu non permetti.Non si può sottrarsi e sfuggire nel riconoscersi con lo sguardo quando ci si trova diffronte alla realtà,ci si può solo girare per non vedere ma ormai si è visto .Si può solo riflettere è decidere di cambiare qualcosa di noi che prima di adesso non si era mai iniziato a fare.Questa è la tua arte…………..grazie Pat

Lascia una risposta

About Mauro

Art Director con oltre 10 anni di esperienza nel campo dell'advertising, alla costante ricerca di nuove fonti di ispirazione. Fondatore di Designaside e direttore creativo @ DigitasLBi Italy. Puoi Trovarmi anche su: Twitter | Facebook | Flickr | LinkedIn | Google+

Category

Arte

Tags

, ,